Charly's blog

Il Post Berlusconi e la crisi della sinistra

Anche se sopravissuto alle forche caudine della fiducia si può tranquillamente sostenere che Berlusconi stia scivolando verso la fase terminale della sua carriera politica. Non tanto o non solo per il sostanziale fancazzismo riformatore che ha contraddistinto l’attività di governo di Silvio I, ma più che altro per limiti d’età. La dipartita di Berlusconi, in ogni caso, non sarà priva di beffe: combatté in vita contro la sinistra e anche da morto non si esimerà. Pensate un po’: la sinistra in Italia sempre più in crisi di idee [1] si è definita in antitesi a Berlusconi, in una sorte di guerra fredda e di muro contro muro. Ma una volta venuta meno la nemesi, che resterà di loro?

Un cosa è certa, però: i comici si metteranno a lutto il giorno infausto della dipartita di Silvio Berlusconi, Re d’Arcore e Imperatore d’Italia.

[1] La sinistra italiana non è quella socialista che in Europa vive e vegeta, ma la ex comunista. In pratica sono quelli che hanno avuto torto, praticamente sempre. Invece di fare un repulsiti generale di politici e intellettuali per approdare al socialismo, i nostri eroi si sono imbarcati in un lungo, lungo viaggio. Verso dove? Boh.

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 dicembre 2010 da in politica con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: