Charly's blog

Let me introduce… the Hyper PIIGS

In origine erano i PIIGS, i paesi pronti a deflagare per essere dei viziosi spendaccioni mediterranei: l’Italia, la Spagna, la Grecia, il Portogallo. Nonché l’Irlanda, noto paese meridionale situato a fianco della Sardegna. Ecco a voi il loro debito pubblico (dati Eurostat):

Debito pubblico PIIGS.

Debito pubblico PIIGS.

Ho inserito come metro di paragone la Germania, in quanta misura di maschia e virile correttezza, nonché il Belgio. Come mai? Per chi non l’avesse ancora capito, il debito pubblico non c’azzecca proprio con la crisi. La Spagna e l’Irlanda avevano un valore inferiore a quello tedesco, il Portogallo era lì lì. Solo la Grecia e l’Italia erano al di sopra, guarda un po’, in compagnia del Belgio. Qualcuno potrebbe spiegarmi perché il Belgio è rimasto fuori pur avendo un debito pubblico tre volte più grande di quello irlandese? Solo a crisi conclamata i debiti pubblici schizzano verso l’alto, compreso quello tedesco.

Le cronache degli ultimi giorni hanno portato alla ribalta una nuova lista dei PIIGS: Cipro è ko, la Slovenia è lì che traballa, l’Olanda si è appena beccata una crisi immobiliare. Oltre all’Islanda, la prima a cadere ma mai conteggiata nel novero, mentre Malta e Lussemburgo sono i prossimi indiziati. Ecco il debito pubblico di questi paesi (dati Eurostat) col solito punto di riferimento della Crande Cermania:

Debito pubblico Hyper PIIGS.

Debito pubblico Hyper PIIGS.

Il grafico è eloquente: il Lussemburgo e la Slovenia sono nettamente al di sotto del valore tedesco. Quello dell’Islanda è esploso dopo la Crisi, non prima. L’Olanda, Cipro e Malta registrano una performance migliore della virtuosa tedeschia.

Anche il deficit evidenzia elementi curiosi (a dir poco). La Germania ha sforato i parametri UE tra il 2002 e il 2007 e nel biennio 2009/2010; l’Italia e la Grecia hanno avuto un’evoluzione simile. L’Olanda, la Spagna, l’Irlanda, il Belgio hanno sorpassato le Colonne d’Ercole della UE solo a crisi conclamata, esattamente quanto è successo per gli Hyper PIIGS.

Un altro elemento da tenere conto è che i paesi presi in esame, pur essendo ammucchiati in un’unica lista, sono caduti per cause diverse. La Spagna, l’Irlanda, Cipro, l’Islanda, l’Olanda e la Slovenia per via dei debiti per lo più privati contratti dalle banche; la Grecia per aver barato sui conti; l’Italia e il Portogallo per la scarsa competitività. Malta e il Lussemburgo  rischiano sempre per colpa delle banche. Il ruolo dell’euro, allora, si declina caso per caso: nel caso dei debiti privati l’afflusso dei capitali (fino a pochi decenni fa la Spagna e l’Irlanda erano gli esempi dei paesi di successo) e di scarsa competitività nel caso italiano.

Al riguardo del debito privato (dati Eurostat):

  2006 2007 2008 2009 2010 2011
Germ 124,3 122,3 123,6 130,5 127,2 127,8
Spa. 200,4 215 220,5 226,8 227,3 218,1
Ita. 110 118,2 122,1 128,2 129,1 128,6
Port. 209,2 222,9 240,3 252,3 249,7 249,3
Irl. 217,1 223,7 279 311,3 315,3 309,5
Gre. 98 107,6 119,3 122,7 125,2 125

Ecco i nuovi Hyper PIIGS:

  2006 2007 2008 2009 2010 2011
Belg. 194,2 204,2 218,4 229,7 233,5 236,9
Cip. 199,7 220,6 241,9 261,7 278,1 287,5
Slov. 90,9 105,8 117,4 126,5 128,2 128,3
Islan.            
Olan. 212,6 210,9 211 225,5 225,3 224,6
Malt. 193,5 192 200,7 213,1 209,3 209,9
Luss. 161,2 205,3 221,2 373,2 344,9 326,3

L’Italia è uno dei paesi messi meglio! Che dire? Non molto. La diagnosi sbagliata (debitopubblicobvuttospovcoecattivo) porta ad una medicina sbagliata con gli evidenti risultati sotto gli occhi di tutti.

 

Annunci

5 commenti su “Let me introduce… the Hyper PIIGS

  1. Pingback: Let me introduce… the Hyper PIIGS | Le Verità Supposte

  2. magiupa
    7 aprile 2013

    additare un falso sintomo serve per vendere l’olio di serpente!

    • Charly
      7 aprile 2013

      O, più semplicemente,perché sei scemo!

      • magiupa
        8 aprile 2013

        comprare olio di serpente fa di te uno scemo…venderlo fa di te un truffatore.

      • Charly
        10 aprile 2013

        O un politico.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 7 aprile 2013 da in economia con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: