Charly's blog

Recensione film: Iron man 3

A vedere il trailer del terzo capitolo della saga di Iron Man sembrava di avere a che fare con un film analogo al Batman di Nolan. Chi si aspetta un film dal tono cupo e drammatico, invece, andrà incontro ad una cocente delusione. Ma procediamo con ordine.

Il film è ambientato subito dopo la battaglia di New York vista in The Avengers. Lo scontro ha lasciato Tony Stark alle prese con attacchi di panico e dubbi: in fin dei conti cosa può fare un semplice uomo con un’armatura di latta contro divinità e alieni? Nel frattempo il mondo è alle prese con la minaccia terroristica del Mandarino, mentre sullo sfondo si muove il tecno virus Extremis…

I trailer hanno fatto intravedere che la colonna portante del film sarebbe stata Tony Stark e la sua “crisi” eroistica. Il che è vero, ma fino ad un certo punto. Il tono del film è tutto fuorché drammatico e si ride parecchio. Il regista della pellicola, non a caso, è Shane Black sceneggiatore fra le altre cose di Arma letale e Arma letale 2. Aspettatevi, quindi, la classica commedia da buddy movie con gag, battute e relazioni dense di significato (fra Stark e la tipa, fra Stark e War Machine). A soffrire della cosa è proprio l’armatura che passa in un ruolo secondario tanté che ad un certo punto Tony Stark combatte senza il suo alter ego ed utilizza gadget da far invidia a James Bond. Le scene d’azione ci sono, per carità, ma decisamente poco numerose.

Vi è anche una spiegazione logica alla cosa dato che nelle prime due pellicole abbiamo assistito alla nascita dell’eroe, alla sfida con un paio di villains e per cambiare il menù si poteva soltanto focalizzarsi sull’uomo nella macchina. La cosa, tuttavia, ha scontentato e non poco i fan del fumetto, specie se si considera alcuni adattamenti di non poco conto sul Mandarino e Extremis.

La regia è solida, la musica è anonima. Nel complesso è un ottimo film che si potrebbe definire come “generico”: in grado di far leva su tutti i palati sacrificando i puristi. È una commedia senza particolari pretese ma di grande efficacia.

La saga finisce qui? In effetti nell’arco delle tre pellicole abbiamo avuto il classico percorso dei personaggi (nascita, prima sfida, caduta e ripresa) e potrebbe concludersi anche se il personaggio Tony Stark ritornerà in altre pellicole. Ovviamente il materiale da cui attingere non è il problema: fosse per me procederei con Armor Wars, direttore dello Shield dopo il prossimo capitolo dei vendicatori e poi Civil War. Ma è probabile che la Marvel si dedichi ad una fase 2 presentando nuovi personaggi e nuove situazioni. Peccato, devo dire che un migliore Tony Stark non si poteva proprio trovare.

Da notare, come al solito, il cameo di Stan Lee e citazioni varie (Iron Patriot fra tutte).

Voto: 8. Diverte ma non commuove.

Annunci

4 commenti su “Recensione film: Iron man 3

  1. magiupa
    15 maggio 2013

    Voto: 8. Diverte ma non commuove.

    Che va benissimo,io e il mio sbirulino(12 anni,sarà meglio che smetta di chiamarlo così)siamo andati a divertirci mica a commuoverci.
    Il Tony Stark di Roby Junior è ad morire dal ridere,cewrto non c’entra nulla con il tony che conoscevo io,che non faceva ridere affatto,anzi a volte era proprio pesanteeeeee!

    • Charly
      15 maggio 2013

      Non fa commuovere nel senso che non presenta profondità psicologiche/etiche/vattelapescose. Che poi va bene così.

      • magiupa
        15 maggio 2013

        la compressione psicopatologica dei super eroi marvel o anche Dc in 2 ore di film proprio non ci stanno,il mezzo fisico non è adeguato,sarebbe autolesionistico solo tentare, l’ultimo Batman senza riuscirci ne è uscito a fatica,aiutato da interpretazioni molto buone,meglio puntare in basso ma farlo bene.

      • Charly
        17 maggio 2013

        Mah, certo è che film come Thor sono più Disney che Marvel. D’altronde sono loro ad aver inventato il super eroe con super problemi. Il nuovo film di Superman promette bene al riguardo, speriam.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 maggio 2013 da in recensioni con tag .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: