Charly's blog

Recensione film: Guardiani della galassia

Guardiani della galassia

Ecco la sinossi del film [1]:

 Il giorno in  cui sua madre muore, il piccolo Peter Quill viene misteriosamente risucchiato nello spazio. Yondu, un umanoide dalla pelle blu, non lo consegna a chi di dovere e lo alleva insieme alla sua squadra di fuorilegge noti come Ravager. Ventisei anni dopo, nel 2014, Peter è un audace avventuriero dello spazio che si fa chiamare Spacelord e va a zonzo su una nave lercia, dove ascolta sempre e soltanto la musicassetta che aveva con sé quel fatidico giorno del 1988. Entrato per caso in possesso di una sfera misteriosa, Quill scopre che il feroce Ronan è determinato ad averla per distruggere il pianeta Xandar e molto probabilmente non solo quello. Per sventare il piano apocalittico di Ronan, Peter si allea quindi con una squadra di ricercati come lui: il procione Rocket, mago della meccanica, il suo amico Groot, una creatura dalle sembianze d’albero, la bella e dannata Gamora e il grosso Drax, assetato di vendetta.

Di per sé i Guardiani della galassia sono un misconosciuto gruppo di super eroi dediti alla space avventura e alle scorazzate cosmiche. Privi di fama, di simbolismo (si pensi a Capitan America), epicità (Thor), dramma sociale (gli X-Men), sembra davvero difficile poterci cavare qualcosa di utile. Eppure la trasposizione cinematografica convince e può vantare un successo di botteghino davvero notevole. Il trucco risiede nel trono scanzonato e divertente dell’opera: si ride, si sorride.

Non mancano, ovviamente, i temi profondi. Dal superamento del proprio trauma infantile di Star Lord, dal passato di Gamora fino alla vendetta di Drax. Ma il film rimane una scanzonata avventura di space opera, un miscuglio fra il primo Star Wars e Indiana Jones. La trama è lineare e segue il classico canovaccio dell’incontro fra personaggi disadattati costretti a cooperare per cause di forza maggiore. Nel farlo diverranno amici e supereranno il loro triste passato, eccetera eccetera.

Sul piano del cast Chris Pratt gigioneggia sullo scherma candidandosi a Han Solo della nuova generazione, Zoe Saldana passa dal blu di Avatar al verde di Gamora offendo con Star Lord il perno sul quale ruota il film. Rocket Raccoon e Groot formano un duo comico non da poco, mentre Dave Bautista offre sia i muscoli sia la spalla comica a Star Lord. A peccare è il villain dato che Ronan difetta di sfaccettature e Thanos si limita a stare seduto dedito alla contemplazione dello spazio. Loki, per dire, è tutt’altra cosa e si deve ammettere che arrivati a questo punto nello sviluppo dell’universo Marvel cinematografico si nota una preoccupante incapacità di trovare un cattivo in grado di mangiare la scena. Non ci resta che sperare in Ultron e  poi in Thanos.

Sul piano tecnico, la regia trasuda di un senso di meraviglia continuo grazie alle ambientazioni spaziali, mentre è degna di nota la colonna sonora che è composta da alcune hit degli anni ’80. I dialoghi sono si possono annoverare fra punti di forza del film e sono frizzanti e divertenti.

Che giudizio dare, allora, alla pellicola? Il film è la summa della piega presa dall’universo Marvel in formato pellicola. Commedia, battute, autoironia a profusione. Così facendo, però, si perdono per strada la drammaticità e il senso di tragico proprio di molte testate Marvel. Dal motto di “super eroe con i super problemi” siamo passati a “super eroi con molte barzellette”. I risultati danno in toto ragione alla Case delle Idee, ma a me sarebbe piaciuto, e pure tanto, un universo all’insegna dello shakespeariano. Per lo meno in pellicole come Thor che, è bene ricordarlo, si basa sulle lugubri e tristi saghe norrene. Considerato che l’evoluzione di questa fase cinematografica è destinata a concludersi in una versione filmica di Civil War c’è poco da stare allegri. Sia come sia, il pubblico generalista apprezzerà il film, ma rimango stupito dal giudizio così positivo dei fan dei fumetti Marvel.

Voto: 7. Divertente, ma nulla più.

P.S. Poveri Nova Corps, ridotti alla variante cosmica della municipale…

[1] Cfr. http://www.mymovies.it/film/2014/guardiansofthegalaxy/.

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 ottobre 2014 da in recensioni con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: