Charly's blog

Report Istat sull’occupazione: un dato non è una tendenza

L’Istat ha di recente rilasciato i nuovi dati statistici relativi alla disoccupazione e alla disoccupazione [1]. Il commento di Renzi tramite Twitter non si è fatto attendere:

 Renzi, Twitter, disoccupazione

Insomma, siamo agli inizi di una vigorosa crescita economica?

I dati Istat

A dicembre 2014 gli occupati sono 22 milioni e 422 mila e l’occupazione a dicembre aumenta dello 0,4% (+93 mila), tornando su valori prossimi a quelli di settembre. Su base annua la crescita è dello 0,5% (+109 mila). Il tasso di occupazione, pari al 55,7%, aumenta di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,3 punti rispetto a dodici mesi prima.

 Per quanto riguarda il numero dei disoccupati, si tratta di 3 milioni e 322 mila unità, in diminuzione del 3,2% rispetto al mese precedente (-109 mila) ma in aumento del 2,9% su base annua (+95 mila).  Il tasso di disoccupazione a dicembre scende al 12,9%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali in termini congiunturali, ma rispetto ad un anno prima il tasso di disoccupazione è in aumento di 0,3 punti percentuali.

Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e su base annua l’inattività si mantiene in calo dell’1,9%.  Il tasso di inattività, pari al 35,8%, aumenta di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e diminuisce di 0,6 punti su base annua.

Tabella n° 1. Tassi di occupazione, disoccupazione e di inattività.

%
Tasso di occupazione 15-64 anni 55,7
Tasso di disoccupazione 12,9
Tasso di disoccupazione 15-24 anni 42
Tasso di inattività 15-64 anni 35,8

Fonte: Istat.

A dicembre 2014 sono occupati 918 mila giovani tra i 15 e i 24 anni, in calo dello 0,7% (-7 mila) rispetto al mese precedente e del 3,6% su base annua (-34 mila). Il tasso di occupazione giovanile, pari al 15,4%, diminuisce di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 0,5 punti nei dodici mesi.

Per quanto riguarda il numero di giovani disoccupati, pari a 664 mila, il valore diminuisce del 4,7% nell’ultimo mese (-33 mila) e del 3,1% rispetto a dodici mesi prima (-21 mila). L’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari all’11,1%. Tale incidenza è in diminuzione sia su base mensile (-0,5 punti percentuali) sia rispetto allo scorso anno (-0,3 punti).

Il numero di giovani inattivi è pari a 4 milioni 382 mila, in aumento dello 0,9% nel confronto congiunturale (+37 mila) e dello 0,4% su base annua (+17 mila). Il tasso di inattività dei giovani tra 15 e 24 anni, pari al 73,5%, cresce di 0,7 punti percentuali nell’ultimo mese e di 0,8 punti nei dodici mesi.

Tabella n°2. Numero di occupati, disoccupati e inattivi (espressi in migliaia).

15-64 anni 15-24 anni
Occupati 22.422 918
Disoccupati 3.322 664
Inattivi 14.106 4.382

Fonte: Istat.

Ma…

Tutto bene e siamo all’inizio della ripresa? Forse sì, forse no. Al riguardo si dovrebbe ricordare il dato agostano relativo alla deflazione: un dato non è una tendenza. Già dai dati di gennaio potrebbe registrarsi un calo dell’occupazione. Prima di trarre una conclusione aspetterei per lo meno il dato trimestrale. Ma di sicuro un aumento dell’occupazione, per quanto minimo, è sempre una buona notizia.

[1] Cfr. http://www.istat.it/it/archivio/146961.

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 febbraio 2015 da in economia con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: