Charly's blog

Diamo i dati: le capacità cognitive della popolazione italiana nella ricerca IALS/SIALS. Parte prima.

Le discussioni su quanto sia ignorante o meno qualcuno si scontra sempre sulla difficoltà di stabilire che cosa si debba conoscere o meno. Spesso si usa come metro di riferimento qualche reminescenza scolastica con tutti i limiti del caso, più raramente la mancata conoscenza di qualche nozione presente nel dibattito pubblico. È molto più semplice stabilire, invece, le capacità cognitive.

—- Le capacità cognitive —-

Una preziosa fonte di dati è la ricerca internazionale sulle competenze alfabetiche della popolazione adulta (International Adult Literacy Survey, IALS) lanciata dall’OCSE/OCDE nel 1992. Nel 1996 si ebbe la seconda ricerca del progetto (Second International Adult Literacy Survey, SIALS), che ha fornito a più riprese i risultati tra il 1995 e il 2000 [1]. Lo scopo delle due ricerche non era la valutazione delle conoscenze o la capacità di leggere e scrive, la classica dicotomia fra analfabeti e non, ma capire quanto e come la popolazione presa in esame è in grado di leggere e capire. Questa capacità viene definita competenza alfabetica funzionale: si tratta della capacità di raccogliere e utilizzare le informazioni reperibili in testi scritti, in grafici, in tabelle e di eseguire operazioni, calcoli, risolvere problemi. Non si tratta di appurare delle conoscenze, ma delle competenze in tre ambiti distinti:

_ capacità di lettura e scrittura in relazione a testi di prosa;

_ capacità di lettura e scrittura in relazione a testi schematici quali grafici, tabelle e carte meteorologiche;

_ capacità di lettura e scrittura in relazione a testi a contenuto quantitativo;

—- I 5 livelli —-

Queste competenze vengono misurate su una scala a 5 livelli. Se si considera la capacità di lettura e scrittura in relazione ai testi di prosa il primo livello richiedeva di cercare un’informazione all’interno del testo con poca o nulla presenza di elementi di distrazione, il secondo livello richiedeva di cercare una o più informazioni in mezzo a degli elementi di distrazione, il terzo livello richiede l’utilizzo di deduzioni con la possibile richiesta  di integrare, comparare o mettere informazioni all’interno del testo. Il quarto livello richiedeva le operazioni del terzo livello ma in un contesto di maggiore astrazione concettuale e con la presenza di elementi di distrazione, mentre il quinto richiedeva l’utilizzo di conoscenze specialistiche.

Se si considera la capacità di lettura e scrittura in relazione ai testi schematici il primo livello richiedeva di cercare l’informazione attraverso una comparazione con poca o nulla presenza di elementi di distrazione. Il secondo livello presentava una molteplice presenza di compiti e di grafici è poteva essere richiesto di riempire un formulario o di raggruppare le informazioni a partire dall’informazione contenuta in uno schema o in un grafico. Il terzo livello comportava comparazioni letterali o sinonimiche, informazioni multiple e l’osservanza di alcune condizioni. Il quarto livello richiedeva delle deduzioni complesse e l’osservanza di determinate condizioni, mentre il quinto livello richiedeva la ricerca delle informazioni in un testo complesso ricco di distrazioni che richiede un’informazione specialistica.

Se si considera, infine, la capacità di lettura e scrittura in relazione a testi di tipo quantitativo il primo livello richiedeva una sola operazione, il secondo un’operazione aritmetica utilizzando i numeri facilmente reperibili nel testo, il terzo livello una o più operazioni utilizzando i numeri nascosti in una presentazione complessa. Il quarto livello richiedeva una sola operazione in cui le quantità sono da difficili da determinare, mentre il quinto livello richiedeva operazioni multiple.

—- Le prove —-

In termini pratici, la prova di comprensione dei testi in prosa richiedeva al primo livello di leggere l’etichetta di un medicinale per stabilire per quanti giorni è possibile assumerlo, al secondo livello si chiedeva di leggere un articolo dedicato ad una pianta ornamentale e scoprire che cosa accade alla pianta se viene esposta a 14 gradi o meno, al terzo livello veniva mostrato il manuale di una bicicletta e veniva chiesto che cosa si dovesse fare per controllare che il sellino sia nella posizione giusta. Al quarto livello veniva mostrato un depliant relativo al colloquio di assunzione e si dovevea spiegare la differenza fra colloquio collegiale e di gruppo, mentre il quinto livello mostrava un annuncio dell’Ufficio del Personale e rispondere dell’operato dello stesso.

Per la prova di comprensione degli schemi o dei grafici, il primo livello mostrava un diagramma con le percentuali delle donne in cattedra e chiedeva la percentuale di quelle greche, il secondo e il terzo livello mostravano due grafici un relativo alla vendita dei fuochi d’artificio e uno dei feriti e si richiedeva di determinare rispettivamente l’anno con il numero più basso dei feriti e di esprimere il legame esistente fra le vendite dei fuochi d’artificio e i feriti. Al quarto livello si chiedeva di interpretare due diagrammi dedicati all’utilizzo del petrolio in due anni differenti, mentre al quinto livello si doveva analizzare una pagina di giornale.

Per la prova di comprensione dei testi quantitativi, il primo livello richiedeva di riempire un modulo per riservare due posti di un teatro, il secondo livello mostrava delle previsioni meteorologiche e si richiedeva di calcolare la differenza di temperatura tra due città , il terzo livello richiedeva di calcolare una percentuale sottraendo il valore a uno dato. Il quarto livello presentava una tabella di interessi composti e si chiedeva di calcolare la somma finale di un investimento, mentre il quinto livello richiedeva di calcolare la percentuale di calorie partendo da una tabella dei valori nutritivi.

E per oggi fermiamoci qui. Al prossimo giro vedremo i dati.

____________________________________________________________________

[1] Cfr. http://www.invalsi.it/areadati/ials-sials/La_partecipazione_italiana.pdf

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 febbraio 2015 da in Diamo i dati con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: