Charly's blog

DDL Cirinnà: di Stepchild Adoption, sodomiti e uteri in affitto

Dopo la dittatura dell’ideologia gender i cattolici hanno trovato un altro nemico: il testo di legge Cirinnà sulle unioni civili il quale, a loro dire, incentiverebbe l’adozione da parte dei sodomiti e incrinerebbe la santità dell’istituto familiare. Ma si deve ammettere che le posizioni cattoliche sono molto moderate, si pensi al riguardo cosa dice la Bibbia (Levitico, 20:13) [1]:

Se uno ha con un uomo relazioni sessuali come si hanno con una donna, tutti e due hanno commesso una cosa abominevole; dovranno essere messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro.

Un segno di modernità? Forse, lo spero per loro. Magari il loro “dio” potrebbe non prenderla proprio benissimo…

—- Ma cosa dice il testo? —-

Partiamo con il punto più divisivo della legge: la Stepchild Adoption. Checché ne dica Scilipoti, di Adoption si tratta e non di Association [2]. Certo, si è dimostrato carente sull’inglese ma perlomeno è un buon cattolico e si è ricordato di citare la Bibbia [3]:

Vorrei leggere in quest’Aula alcune citazioni delle Sacre scritture. Non voglio perdermi in congetture e analisi, non voglio filosofeggiare, non voglio dare spiegazioni, ma voglio solo ricordare la parola di Dio sull’incompatibilita` della famiglia, generata da un uomo e una donna, con l’omosessualita`: «La donna non si vestira` da uomo e l’uomo non si vestira` da donna poiche´ il Signore, il tuo Dio, detesta chiunque fa tali cose». E ancora: «Non ti coricherai con un uomo come si fa con una donna: e` cosa abominevole. Non rendetevi impuri con nessuna di tali pratiche, poiche´ con tutte queste cose si sono rese impure le nazioni (Commenti della senatrice Nugnes) che io sto per scacciare davanti a voi. Chiunque pratichera` qualcuna di queste abominazioni, ogni persona che le commettera`, sara` eliminata dal suo popolo». Questo passo e` estratto dal Levitico, il terzo libro della Torah ebraica e della Bibbia cristiana, composto da 27 capitoli, scritti in ebraico, contenenti quasi esclusivamente leggi religiose e sociali, che Mose` diede agli ebrei durante il soggiorno nel deserto del Sinai, circa milleduecento anni avanti Cristo. (Commenti della senatrice Taverna). Piu` importante e` focalizzare l’attenzione su tutte quelle significative citazioni del Levitico, partendo dalla prima pagina della Bibbia, in cui e` scritto: «maschio e femmina li creo`». Li creo` per essere una «sola carne» Senato della Repubblica – 57 – XVII LEGISLATURA 570ª Seduta (antimerid.) Assemblea – Resoconto stenografico 3 febbraio 2016 e per procreare. Cosı` si estende la creazione divina, che ha nell’uomo la sua corona. Anche il Nuovo Testamento non cambia direzione al riguardo: infatti, un passo particolarmente esplicito e` estratto dalla prima lettera ai Corinzi: «Non v’ingannate: ne´ i fornicatori (…), ne´ gli adulteri, ne´ gli effeminati, ne´ gli omosessuali, ne´ i ladri (Commenti della senatrice Bottici), ne´ gli avari, ne´ gli ubriaconi, ne´ gli oltraggiatori, ne´ i rapinatori erediteranno il regno di Dio». Alcune tesi tentano di dimostrare l’inversione di tendenza e di atteggiamento sull’omosessualita` tra il Vecchio e il Nuovo Testamento, ma probabilmente la verita` piu` bella e schiacciante, che cancella ogni altra tesi, e` quella che scrive Matteo: «Un credente non deve mai dimenticare che Dio non cambia». Cosa c’e` di piu` vero di questo? Non credo serva commentare queste citazioni. Voglio solo osservare che, ancora una volta, abbiamo di fronte la scelta tra onorare le nostre radici cristiane, nostre e di tutta l’Europa, oppure dimenticarle, in favore di liberalizzazioni estreme che rischiano di minare le fondamenta dell’istituto della famiglia, senza la quale non saremmo niente.

Scilipoti si è definito uomo di fede e scienza, ho qualche dubbio sul secondo elemento ma sul primo non c’è nulla da obiettare.

Ma vediamo la questione in dettaglio: cos’è questa famigerata Stepchild Association Adoption? Il DDL precedente, quello Manconi – Corsini, lo illustra chiaramente all’art 14 [4]:

I figli delle parti dell’unione civile, nati in costanza dell’unione civile, o che si presumano concepiti in costanza di essa secondo i criteri di cui all’articolo 232 del codice civile, hanno i medesimi diritti spettanti ai figli nati in costanza di matrimonio. 2. Le parti dell’unione civile possono chiedere l’adozione o l’affidamento di minori ai sensi delle leggi vigenti, a parità di condizioni con le coppie di coniugi.

Non si tratta, quindi, dell’adozione in sé ma dell’adozione del figlio dell’altro contraente dell’unione civile. Nulla di nuovo o di incredibile, specie se si considera che una coppia di fatto vive già in un regime adottivo, per l’appunto, di fatto. Il nome inglese serve, allora, più a non far capire creando confusione e mistificazione.

Con il DDL Cirinnà la cosa si è fatta un pochino più complicata. All’art 3, comma 4, si dice che [5]:

Le disposizioni che si riferiscono al matrimonio e le disposizioni contenenti le parole «coniuge», «coniugi» o termini equivalenti, ovunque ricorrono nelle leggi, negli atti aventi forza di legge, nei regolamenti nonché negli atti amministrativi e nei contratti collettivi, si applicano anche ad ognuna delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso. La disposizione di cui al periodo precedente non si applica alle norme del codice civile non richiamate espressamente nella presente legge nonché alle disposizioni di cui al Titolo II della legge 4 maggio 1983, n. 184.

E la legge in questione è quella che regola l’adozione [6].

L’adozione è consentita a coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni. Tra i coniugi non deve sussistere e non deve avere avuto luogo negli ultimi tre anni separazione personale neppure di fatto. 2. I coniugi devono essere affettivamente idonei e capaci di educare, istruire e mantenere i minori che intendano adottare. 3. L’età degli adottanti deve superare di almeno diciotto e di non più di quarantacinque anni l’età dell’adottando. 4. Il requisito della stabilità del rapporto di cui al comma 1 può ritenersi realizzato anche quando i coniugi abbiano convissuto in modo stabile e continuativo prima del matrimonio per un periodo di tre anni, nel caso in cui il tribunale per i minorenni accerti la continuità e la stabilità della convivenza, avuto riguardo a tutte le circostanze del caso concreto.

Dall’esame del testo viene fuori che:

  • Non si parla dell’adozione in quanto tale;
  • È la presa d’atto che in un nucleo famigliare di fatto si possa adottare legalmente il figlio dell’altro membro;
  • È una norma volta a ratificare l’esistente con le coppie di fatto già in vigore;

In pratica siamo di fronte a un nuovo spauracchio come l’inesistente ideologia gender e viene da chiedersi se i critici abbiano letto (e capito) la legge esistente o lo facciano apposta come strumento di dibattito pubblico (spin).

—- E sull’utero in affitto? —-

Partendo dal presupposto che si tratta di una situazione già esistente, se la si ritiene una situazione dannosa per i minori si dovrebbe proporre, allora, la sottrazione dei minori da parte dei servici sociali. È dannoso, no? Se non lo si fa pur ritenendo la situazione lesiva per i minori rimangono solo due possibilità: si è ipocriti o si è nel torto.

Passiamo, ora, all’altra questione: l’utero in affitto. Anche se la legge non prevede la pratica dell’utero in affitto in nessuna forma, qualcuno ha sentito il bisogno di presentare un testo di legge di contrasto ad una simile attività [7]:

«Chiunque, al fine di accedere allo stato di madre o di padre, fruisce della pratica di surrogazione della maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con una multa da 600mila a un milione di euro». E la punibilità è estesa anche alle pratiche «realizzate all’estero da cittadini italiani». A proporre il giro di vite – che alza l’asticella dello scontro mentre l’intesa all’interno del Pd appare ancora lontana – è l’emendamento presentato dai cattolici del Pd, primo firmatario Gianpiero Dalla Zuanna, all’articolo 5 del ddl Cirinnà sulle unioni civili, atteso in Aula al Senato la prossima settimana.

Ovviamente una simile norma si traduce in pratica contro gli uomini e non contro le donne che a quanto di uteri sono piuttosto fornite. Più sulla cosa in sé inviterei a riflettere sul come: chi sarà mai disposta a fornire il proprio utero per una coppia di sconosciuti? Una donna in carriera, laureata e con disponibilità economiche o  una poveraccia che per una manciata di euro sforna marmocchi? Occhio che per arrivare a vendere i propri organi per motivi economici il passo è breve.

Approfondimenti

_ Un paio di cosette di cui tener conto: http://www.panorama.it/news/politica/unioni-civili-che-cose-la-stepchild-adoption/#gallery-0=slide-9.

———————————————————————————————–

[1] Cfr. http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=Levitico+18%3A22-25%3B+20%3A13%2C15-16%3B+1+Corinzi+6%3A9%3B+1+Timoteo+1%3A10&versioni%5B%5D=Nuova+Riveduta.

[2] Cfr. http://video.corriere.it/scilipoti-stepchild-association-prove-pronuncia-il-senatore-risate-aula/2808211c-ca8b-11e5-a089-b5567fb53351.

[3] Cfr. http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=964302.

[4] Cfr. http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede/Ddliter/testi/39314_testi.htm.

[5] Cfr. http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede/Ddliter/testi/46051_testi.htm.

[6] Cfr. http://www.camera.it/_bicamerali/leg14/infanzia/leggi/legge184%20del%201983.htm.

[7] Cfr. http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-01-20/unioni-civili-cattolici-pd-arresto-reato–utero-affitto-punibilita-chi-va-all-estero-184806.shtml?uuid=ACsEx1DC.

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 febbraio 2016 da in politica con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: