Charly's blog

Fine 21° secolo: l’età degli imperi? [prima parte]

Uno dei principali problemi delle previsioni riguardanti il futuro è l’impossibilità di tenere in considerazione l’inaspettato o l’imprevedibile. Nel primo caso abbiamo variabili derubricabili, oggi, a film di fatascienza come i conflitti con improbabili civiltà aliene. Nel secondo caso abbiamo un fattore più prosaico ma non meno importante come le innovazioni tecnologiche.

Per uscire dall’impasse è possibile, tuttavia, delineare dei scenari con delle variabili ben definite in modo da poter conseguire degli interessanti spunti di riflessioni. In questo scenario volto a descrivere il secolo in corso farò leva sui seguenti elementi:

  • disoccupazione tecnologica;
  • nessuna crisi energetica, ambientale o demografica;
  • esaurimento delle risorse naturali;
  • impraticabilità del viaggio interstellare;

Vediamo cosa viene fuori.

 

—- Il successo del capitalismo… —-

Uno studio a firma di Carl Benedikt Frey and Michael A. Osborne ha tentato di misurare l’impatto sul mondo del lavoro dettato dal progressivo diffondersi dei sistemi informatici [1]. Si badi bene che parlare di AI è fuorviante dato che le AI di oggi non sono più intelligenti – se intese in senso umano – di un tostapane. Semplicemente la maggior parte dei lavori richiedono poca intelligenza e con il giusto algoritmo e il giusto database lo si può automatizzare.

Partendo dal presupposto che i PC possono svolgere

the tasks computers are able to perform ultimately depend upon the ability of a programmer to write a set of procedures or rules that appropriately direct the technology in each possible contingency. Computers will therefore be relatively productive to human labour when a problem can be specified – in the sense that the criteria for success are quantifiable and can readily be evaluated (Acemoglu and Autor, 2011). The extent of job computerisation will thus be determined by technological advances that allow engineering problems to be sufficiently specified, which sets the boundaries for the scope of computerisation.

e che la ricerca si sta orientando verso il superamento di tali limiti: «Recent technological breakthroughs are, in large part, due to efforts to turn non-routine tasks into well-defined problems». Ecco i big data:

As such, technological progress has been aided by the recent production of increasingly large and complex datasets, known as big data. For instance, with a growing corpus of human-translated digitalised text, the success of a machine translator can now be judged by its accuracy in reproducing observed translations. Data from United Nations documents, which are translated by hu-man experts into six languages, allow Google Translate to monitor and improve the performance of different machine translation algorithms (Tanner, 2007). Further, ML algorithms can discover unexpected similarities between old and new data, aiding the computerisation of tasks for which big data has newly become available. As a result, computerisation is no longer confined to routine tasks that can be written as rule-based software queries, but is spreading to every non-routine task where big data becomes available.

Si conclude che «With the availability of big data, a wide range of non-routine cognitive tasks are becoming computerisable».

Ed ecco alcuni esempi:

  • in health care, diagnostics tasks are already being computerised. Oncologists at Memorial Sloan-Kettering Cancer Center are, for example, using IBM’s Watson computer to provide chronic care and cancer treatment diagnostics. Knowledge from 600,000 medical evidence reports, 1.5 million patient records and clinical trials, and two million pages of text from medical journals, are used for benchmarking and pattern recognition purposes. This allows the computer to compare each patient’s individual symptoms, genetics, family and medication history, etc., to diagnose and develop a treatment plan with the highest probability of success (Cohn, 2013).
  • In addition, computerisation is entering the domains of legal and financial services. Sophisticated algorithms are gradually taking on a number of tasks performed by paralegals, contract and patent lawyers (Markoff, 2011). More specifically, law firms now rely on computers that can scan thousands of legal briefs and precedents to assist in pre-trial research. A frequently cited example is Symantec’s Clearwell system, which uses language analysis to identify general concepts in documents, can present the results graphically, and proved capable of analysing and sorting more than 570,000 documents in two days (Markoff, 2011).
  • For example, the cities of Doha, São Paulo, and Beijing use sensors on pipes, pumps, and other water infrastructure to monitor conditions and manage water loss, reducing leaks by 40 to 50 percent. In the near future, it will be possible to place inexpensive sensors on light poles, sidewalks, and other public property to capture sound and images, likely reducing the number of workers in law enforcement.
  • The recent growth in MOOCs (Massive Open Online Courses) has begun to generate large datasets detailing how students interact on forums, their diligence in completing assignments and viewing lectures, and their ultimate grades (Simonite, 2013; Breslow, et al., 2013). Such information, together with improved user interfaces, will allow for ML algorithms that serve as interactive tutors, with teaching and assessment strategies statistically calibrated to match individual student needs.
  • Big data analysis will also allow for more effective predictions of student performance, and for their suitability for post-graduation occupations. These technologies can equally be implemented in recruitment, most likely resulting in the streamlining of human resource (HR) departments.

Ma persino gli informatici si stanno scavando la fossa con le loro mani:

Even the work of software engineers may soon largely be computerisable. For example, advances in ML allow a programmer to leave complex parameter and design choices to be appropriately optimised by an algorithm (Hoos, 2012). Algorithms can further automatically detect bugs in software (Hangal and Lam, 2002; Livshits and Zimmermann, 2005; Kim, et al., 2008), with a reliability that humans are unlikely to match. Big databases of code also offer the eventual prospect of algorithms that learn how to write programs to satisfy specifications provided by a human. Such an approach is likely to eventually improve upon human programmers, in the same way that human-written compilers eventually proved inferior to automatically optimised compilers. An algorithm can better keep the whole of a program in working memory, and is not constrained to human-intelligible code, allowing for holistic solutions that might never occur to a human. Such algorithmic improvements over human judgement are likely to become increasingly common.

In conclusione:

Hence, while technological progress throughout economic history has largely been confined to the mechanisation of manual tasks, requiring physical labour, technological progress in the twenty-first century can be expected to contribute to a wide range of cognitive tasks, which, until now, have largely remained a human domain. Of course, many occupations being affected by these developments are still far from fully computerisable, meaning that the computerisation of some tasks will simply free-up time for human labour to perform other tasks. Nonetheless, the trend is clear: computers increasingly challenge human labour in a wide range of cognitive tasks.

Ed ecco i lavori che ci saluteranno: «According to our estimate, 47 percent of total US employment is in the high risk category, meaning that associated occupations are potentially automatable over some unspecified number of years, perhaps a decade or two». E si tratta solo della prima ondata di automatizzazione dato che la tecnologia non si ferma.

 

—- … il trionfo dello statalismo —-

Davanti a questo massacro lavorativo che ci dicono in genere gli economisti? Che siccome nelle puntate precedenti i lavori distrutti dalla tecnologia venivano sostituiti da quelli nuovi, non c’è niente di cui preoccuparsi. Ma non chiedete quali saranno i lavori del futuro, mal che vada balbetteranno sui lavori creativi che le macchine non possono sostituire. Se non fosse che i lavori creativi già oggi non danno da mangiare: quante persone vivono di scrittura o strimpellando la chitarra?

In più il concetto di lavoro creativo è variabile. Per girare un film abbiamo bisogno di sceneggiatori, registi e attori. Ma se elimino questi ultimi mi rimane solo un regista con un software di computer grafica così sofisticato da rendere indistinguibili gli attori digitali da quelli di carne e ossa. E con un ulteriore passo in avanti non è difficile immaginare software che creano su richiesta film o tv serie grazie ai big data e ai topos letterari. Originali? Forse no. Ma quanti film o serie tv sono originali e non la modifica di qualcosa già visto?

Insomma, avete capito che non sono molto ottimista. Ma non perdete tempo a rimuginare su quali lavori fare o non fare: moriranno tutti, chi prima chi meno. Si tratta di un processo in divenire e ciò che sopravviverà fra 20 anni potrà cadere fra 50. E così si realizzerà il sogno del capitalista: la produzione senza lavoratori, senza spese irritanti come i salari e fastidi come i sindacati. Ed ecco l’inghippo [2]:

Computers, intelligent machines, and robots seem like the workforce of the future. And as more and more jobs are replaced by technology, people will have less work to do and ultimately will be sustained by payments from the government, predicts Elon Musk, the iconic Silicon Valley futurist who is the founder and CEO of SolarCity, Tesla, and SpaceX. According to Musk, there really won’t be any other options. “There is a pretty good chance we end up with a universal basic income, or something like that, due to automation,” says Musk to CNBC. “Yeah, I am not sure what else one would do. I think that is what would happen.”

A parte l’Oskar Giannetto di turno convinto che si produce per produrre, le attività economiche prevedono la vendita. Ma per vendere ci vuole qualcuno che compri grazie al proprio reddito e per avere un reddito bisogna lavorare. Ma se nessuno lavora? Nessuno compra. Da qui l’idea di un reddito garantito dallo Stato affinché il meccanismo non si inceppi.

Ma persino questo scenario presenta alcune difficoltà. Si potrebbe pensare che più che fornire un reddito virtuale – un mero bip informatico su conto in banca che non ha un vero valore corrispondente nel mondo reale – si potrebbe percorrere la strada della gratuità. Essendo tutto o quasi prodotto da software e macchine si potrebbe passare all’era delle merci gratuite. Se non fosse che le cose richiedono materiali che sono finiti e non illimitati nel mondo reale. Il reddito fantasma servirebbe, allora, a creare un limite all’acquisizione di merci che sono sì gratis ma che comunque non sono illimitate.

Lo Stato verrebbe, pertanto, ad assumere un ruolo di intermediatore fra i clienti e le aziende produttrici. O, in alternativa, potrebbe subentrare del tutto anche nel settore produttivo. Perché limitarsi a pagare un reddito coprendo i danni creati dai privati quando si potrebbe prendere tutta la posta sul tavolo? Ricordiamo che:

  • lo sviluppo tecnologico è spinto dall’industria bellica degli Stati: elettronica, internet, nuovi materiali, touchscreen, droni. Grazie alla DARPA non ad Apple;
  • lo Stato si ritrova letteralmente sul proprio libro paga non solo i dipendenti pubblici, ma tutti i cittadini;
  • le aziende del futuro più che interessate a vendere potrebbero essere interessate a sviluppare nuove tecnologie per risolvere i problemi che si presenteranno di volta in volta. Non saranno più, allora, aziende ma enti di ricerca;

Io scrivo sotto un’ottica tecno ottimista:

  • la fusione nucleare, il solare, nuove tecnologie legate alle batterie risolveranno la crisi energetica;
  • i danni ambientali verranno riparati o messi sotto controllo;
  • il global warming verrà messo sotto controllo sia grazie alla tecnologia verde sia grazie alla geoingegneria;
  • non ci saranno pandemie grazie all’ingegneria genetica e alla tecnologia;
  • le tecnologie di ringiovanimento risolveranno i problemi demografici;

Un mondo sempre più statalista con Stati gestori e coordinatori sia dell’economia sia dello sviluppo tecnologico (come è già oggi), lasciando i compiti pratici a quelle che non saranno più aziende ma enti di ricerca: pochi ricercatori e scienziati, enormi sistemi di produzione automatici. Prima con i robot e poi con la nanotecnologia.

Ci sarano delle reazioni violente da parte delle imprese economiche che perderanno il potere? Assolutamente sì e la metà di questo secolo potrebbe essere molto conflittuale: Stati versus multinazionali. Ma alla fine vinceranno gli Stati perché saranno loro a mantenere le popolazioni e a permettere, poi, che le persone acquistino i prodotti delle aziende. Essendo troppo avidi e intellettualmente limitati le aziende non accetteranno di prendersi in carico le persone non più di quanto accettino di prendersi cura dei disoccupati. Ma così facendo si suicideranno finendo nel non avere più clienti. L’epoca dei tagliatori di teste è finita, sarà l’epoca dove non è il lavoro ad essere un diritto ma il reddito. Universale e garantito.

Il successo del capitalismo, allora, ha aperto la strada al trionfo dello Statalismo. Ma non preoccupatevi: sarà anche un’era democratica. Gli Stati tramite la politica devono tenere conto dei propri cittadini, mentre le aziende rispondono solo e soltanto ai propri azionisti. Non è un caso che all’attuale debolezza degli Stati causata dalla libera circolazione dei capitali e delle merci corrisponda anche una crisi della democrazia tanto pratica quanto di legittimità. Sottomettendo il ciclo economico alla politica il problema rientrerà: lo Statalismo può essere democratico, il mercato è solamente oligarchico.

Tutti felici e contenti, allora? No, c’è un problema bello grosso che potrebbe far saltare tutto. Ma di questo parleremo la prossima volta.

 

Approfondimenti:

 

– Jobs no more: https://www.economist.com/news/special-report/21700758-will-smarter-machines-cause-mass-unemployment-automation-and-anxiety.

 

[ … continua]

———————————————————————

[1] Cfr. http://www.oxfordmartin.ox.ac.uk/downloads/academic/The_Future_of_Employment.pdf.

[2] Cfr. https://www.cnbc.com/2016/11/04/elon-musk-robots-will-take-your-jobs-government-will-have-to-pay-your-wage.html.

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30 luglio 2017 da in Uncategorized con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: